1884-2005 La storia siamo noi.
 
Sentirsi parte della storia.
 
È la sensazione che si ha pensando alla Sodo Migliori, la famiglia che dal 19° secolo ha dato vita a una delle realtà più importanti in Italia nell’ingrosso di oreficerie.

Quattro generazioni e personaggi dal carattere sempre interessante, come Dina Migliori, una delle prime donne a ottenere la patente in Italia e grande appassionata di motori, si sono succeduti alla guida di un’impresa che è cresciuta fino a contare sette punti vendita, capillarmente distribuiti nel centro Italia e due in Spagna.

3 generazioni. 120 anni di storia.
 
Una totale dedizione alle oreficerie per dare esperienza, collaborazione e forza a chi ci ha scelto.
 
La storia comincia centoventi anni fa a Giulianova, dove i fratelli Migliori avviano un commercio
di preziosi che in poco tempo si amplia, conquistando sempre nuove piazze.
La guida dell’azienda di famiglia arriva a includere i mariti delle figlie di Cesare Migliori.
 
È così che nasce il doppio cognome Sodo Migliori, voluto da Cesare Sodo, nipote di uno dei fratelli fondatori, proprio per conservare la memoria delle radici.
Siamo ormai negli anni ’60 e la Sodo Migliori si struttura come un’azienda moderna, apre sedi sul territorio per essere sempre più vicino ai propri clienti con collezioni sempre immediatamente disponibili. 

 


Anni '30, da sinistra.
Cesare Migliori [il fondatore],
la moglie Gilda, la figlia Dina,
con il marito Giovanni Nocera. 

 
Anni '40, da sinistra.
Il ragionier Tacchini con
il titolare Antonio Sodo.